Fury

E’ una domenica mattina a casa Pitt-Joile, mamma Angelina è uscita con i bambini per farli partecipare a una partita di football (da soli compongono una squadra), mentre Brad rimane a casa a fare i mestieri. Ma si annoi a stare da solo e così accende la tv e vede un film sulla seconda guerra mondiale. Fighissimo, crudo, fedele alla realtà. E’ “Salvate il soldato Ryan” e alla regia abbiamo Steven Spielberg.

“E’ bellissimo!” esclama, “voglio farlo anche io!” e cosi nacque Fury.

Brad Pitt

Seconda guerra mondiale, Germania nazista, queste sono le avventure del tank Fury nella sua missione di liberazione del mondo da quella piaga che è Hitler, per arrivare a Berlino, dove nessuno è ancora arrivato.

Fury è bello e convincente, ma se avete visto il film di Spielberg trovate così tante analogie che puzza un po’ di scopiazzatura. Sicuramente l’elemento del Tank è una bella novità, che cerca di essere sfruttata per gestire le dinamiche di gruppo, ma si poteva fare di meglio. Spesso alcuni tratti dei personaggi sembrano un po’ superficiali, così come i loro drammi.

Però ci sono tre cose assolutamente no:

1- Le armi che sparano colpi colorati neanche fossero armi laser di Guerre stellari

2- Le pettinature Hipster dei protagonisti

3- Brad Pitt che dopo due granate in un luogo chiuso è ancora integro

f3

Lo si guarda volentieri e non annoia. Se non avete mai visto “Salvate il soldato Ryan” o le due serie televisive “Band of Brothers” e “The Pacific”, allora guardatelo tranquilli e poi andate a vedere quelli. Perchè sono dei capolavori del cinema di guerra.

f4

Precedente Rajahstan - 28/11 Successivo Star Wars: Il Risveglio della Forza

2 commenti su “Fury

  1. Un bel film, crudo e spietato. Tranne il finale. Quello è proprio una caduta di stile. E non solo per SuperBrad che ignora le granate, ma piuttosto per la mancanza di un avversario credibile.
    Non voglio spoilerare, dico solo che dalle temutissime cattivissimo crudelissime SS mi aspettavo un po’ più di strategia nell’affrontare un carro armato immobilizzato.
    E il carro viene immobilizzato dall’unica mina di tutta la strada. Maddai…

    • Si, le SS hanno una unica strategia: lanciarsi a ondate all’attacco. Ma in fondo anche i nazisti del buon vecchio Wolf 3D non erano da meno…

      Preoccupano molto di più i fucili laser che usano… con scie rosse e verdi… quelli sono davvero imbarazzanti…

I commenti sono chiusi.